Progetti virtuosi di cittadinanza attiva

“C’è chi dice che voi giovani ‘non ci siete’, che il vostro contributo alla vita sociale non è centrale come dovrebbe. Ebbene, premiandovi qui oggi, abbiamo la dimostrazione del contrario: vi siamo riconoscenti per il contributo che state dando alla nostra città e vi esortiamo a non sottovalutare quello che state facendo. State riempiendo Reggio di speranza e di fiducia, se rinuncerete a spendervi concretamente per il bene di tutti, se farete venir meno il vostro contributo, la città non potrà essere migliore. Essere cittadini è proprio questo, ne siete l’esempio. Ma volete mettere la soddisfazione di condividere le vostre conoscenze informatiche con un anziano o di prendersi cura di un pezzo di città? Siete la terapia contro la malinconia che nasce dalle occasioni perdute, avete visto passare il treno e ci siete saliti sopra con allegria e speranza. Reggio non può che dirvi grazie”. Graziano Delrio

 LEVA GIOVANI

leva-digital-divide-incontro-sindaco-2-15508La Leva giovani è uno stimolo ad impegnarsi in iniziative di cittadinanza attiva per progetti del Comune, delle scuole, delle Associazioni di volontariato sociale.  Sino ad oggi, la Leva giovani del Comune di Reggio ha coinvolto  750 ragazze e ragazzi in 65 progetti, per oltre 20mila ore  di impegno volontario.  A giugno 2009 sono oltre 30 i progetti di Leva giovani attivi e possono essere consultati alla pagina http://www.portalegiovani.eu/levagiovani:

I giovani che effettuano oltre 100 ore di attività di Leva giovani hanno diritto ad uno viaggio di scambio di carattere culturale.  Negli anni passati i giovani più “attivi” nelle Leve cittadine hanno partecipato ad  uno scambio nella città gemella  di Girona, in Spagna e a Schwerin in Germania; quest’anno i “premiati” parteciperanno al “Viaggio nella Locride che cambia” promosso in collaborazione con Gabella e il consorzio Goel, un’esperienza che porterà i giovani della Leva a confrontarsi sui temi della legalità e del contrasto alle mafie.  

CARTA GIOVANI

La Carta giovani è uno strumento europeo che consente di ottenere agevolazioni in 100mila punti convenzionati in 41 Paesi. La Carta giovani Euro<26 è stata donata dal Comune di Reggio a tutti i giovani dai 15 anni in su già da3 anni. Nell’aprile 2009 la Carta Giovani, insieme alle Leve giovanili ed al Portale Giovani, è stata estesa a 38 Comuni della Provincia di Reggio Emilia.  Solo a Reggio Emilia sono state distribuite 14.000 carte.

 PORTALE GIOVANI

Il portale giovani è il punto di incontro virtuale dedicato ai ragazzi e ragazze della città e non solo; è lo spazio dove esprimersi, scambiare idee, condividere parole, fotografie, suoni e video dall’universo giovanile. Sono proprio i giovani i veri redattori di questo sito, realizzato su piattaforma open-source, etico nella forma e nella sostanza. I giovani, oltre a farlo vivere in prima persona, vi possono trovare  una newsletter a loro dedicata, per ottenere aggiornamenti ed informazioni sulle opportunità a loro destinate, un’area riservata per verificare il proprio “saldo punti” sulla Carta giovani, sportelli on-line dove chiedere informazioni di ogni tipo, un calendario aggiornato con eventi, concerti e spettacoli, un’area commenti per ogni articolo, dove poter creare discussioni e confronti e molto altro ancora. L’indirizzo del sito è www.portalegiovani.eu Il Portale Giovani ha 14.500 visitatori ogni mese.

 

GABELLA

 

Gabella di via Roma compie tre anni e festeggia la sua presenza in città con un marzo ricco di iniziative. Un luogo di ritrovo, di riflessione sui consumi e stili di vita, di socialità e incontro in un quartiere della città che ha subito innumerevoli mutazioni nel corso degli anni. Un luogo di formazione, di connettività gratuita, di progettazione attività (380 iniziative in mille giorni di vita con diversi soggetti protagonisti della vita cittadina), di espressione del tessuto civile della nostra comunità.

 

ALCUNI PROGETTI

Amministrazione condivisa.
Dalla Leva giovani all’Amministrazione condivisa, questo è uno degli obiettivi del progetto che il Comune di Reggio Emilia ha lanciato nelle scorse settimane. Reggio è la prima città italiana che affronta questa sfida coinvolgendo 50 cittadini in un percorso di formazione che produrrà delle azioni concrete sul territorio. 
La maggior parte dei partecipanti proviene da realtà giovanili del territorio come Sap-extratime, Giro del cielo e Gabella, altri appartenenti a centro sociale Montenero, Circoscrizione VII, Arci e Coop consumatori nordest e una decina di rappresentanti del Comune di Reggio Emilia con la partecipazione di Ufficio giovani, Ufficio decentramento e partecipazione, Poli sociali territoriali. Il percorso è coordinato da Gregorio Arena, professore ordinario di Diritto amministrativo nell’Università di Trento e presidente di Labsus che nella giornata di venerdì introdurrà i lavori illustrando come i percorsi di Leva giovani rappresentino un valore sociale tangibile per tutta la comunità: ”La cittadinanza andrebbe considerata come un incarico pubblico il cui esercizio produce effetti sulla qualità della vita comune di tutti gli altri membri della comunità – spiega Gregorio Arena – i giovani attuali eserciteranno questo incarico e dovranno assumersi tutte le responsabilità che esso comporta. Per questo è essenziale formarli ad una cittadinanza attiva, responsabile e solidale, perché da loro dipende il nostro futuro come collettività organizzata”.

Blutu.

Primo premio al salone Compa di Milano come servizio di comunicazione interattiva, segnalazione come caso di comunicazione con i giovani del Ministero della Funzione Pubblica. Dopo sei mesi di sperimentazione il servizio di comunicazione gratuito “Blutu-Il contatto in più” nel 2009 entra nei luoghi della città con installazioni fisse all’Università di Modena e Reggio Emilia, biblioteca Panizzi, i Petali e altri luoghi della città. Un sistema di comunicazione bidirezionale collegato a Portale Giovani dove è possibile comunicare con i cittadini ma anche ricevere contenuti che possono arricchire il racconto della città.

MoRe for students.

Il progetto “MoRe for student – Modena e Reggio Emilia città amiche degli studenti”, vuole  principalmente sistematizzare, integrare e valorizzare la gamma dei servizi e delle opportunità offerte agli studenti universitari di Modena e Reggio Emilia. Il progetto “MoRe for student” rappresenta una formidabile opportunità per posizionare nuovi tasselli concreti di un piano d’azione ampio e diversificato che vede i Comuni di Modena e Reggio Emilia, l’Ateneo, l’Azienda per il Diritto allo Studio e altri importanti soggetti del territorio a lavorare fianco a fianco per il raggiungimento di obiettivi strategici comuni: più alloggi per studenti, più spazi e strutture per lo studio,interventi nel campo della cultura e del tempo libero, accoglienza matricole con una Leva Universitaria, migliorare la qualità della vita degli studenti disabili e migliorare l’accoglienza agli studenti stranieri.

G.E.Co.

L’accordo del programma quadro G.E.CO, Giovani Evoluti e Consapevoli, è stato  sottoscritto tra la Regione Emilia Romagna , il POGAS- Dipartimento per le politiche giovanili e le Attività sportive della Presidenza del consiglio dei ministri e il MISEministero per lo Sviluppo economico per il triennio 2007/2009. Ciò ha consentito alla Regione di assumere le politiche giovanili all’interno di una strategia più ampia, condivisa con gli Enti locali, avviando un percorso finalizzato a superare la frammentarietà e la limitatezza degli interventi che hanno tradizionalmente contraddistinti il settore. Le linee strategiche di G.E.CO sono: promuovere la produzione e la fruizione culturale dei giovani, favorire l’accesso dei giovani al lavoro e all’impresa nei settori produttivi emergenti di alta tecnologia, promuovere l’informazione, la partecipazione,la cittadinanza attiva e il dialogo interculturale, promuovere stili di  vita sani, la pratica sportiva e il turismo giovanile in una logica di valorizzazione dell’ambiente.