Beppe Grillo ha sbagliato


Beppe-GrilloHo visto la dichiarazione di Beppe Grillo sulla campagna di cittadinanza agli immigrati: mi pare che abbia preso proprio un abbaglio e sia caduto nel politichese. Non c’é nessun buonismo, a parte che essere buoni non è un difetto. Qui c’é solo da adattare la normativa italiana alle regole di tutti i paesi d’Europa. Il tema è che non esiste una possibilità in Italia di fruire dello jus soli.

La nuova lproposta di legge, infatti, è “protettiva”: per ottenere la residenza lo straniero deve già fare una serie di trafile. Non stiamo parlando di gente che viene qui a partorire in Italia e va via. Chi è regolarmente soggiornante in Italia da un anno ha fatto una trafila di almeno 4-5 anni di permessi di soggiorno.
Grillo ha la preoccupazione e la paura che questa proposta di legge serva a distogliere dai problemi veri? Ma se la politica non parla di immigrazione nel terzo millennio, in un Paese dove gli immigrati versano all’Inps 11 miliardi di euro, se non parla di ambiente, di sostenibilità, di che cosa si deve occupare?
Voglio chiamare Grillo, gli dirò di provare ad ascoltare le voci e incrociare i volti dei ragazzi che si sentono italiani e scoprono a 18 anni di essere stranieri magari perché hanno trascorso una settimana dai parenti all’estero. Il confronto con loro vale più di tutte le teorie e del politichese in cui è caduto anche Grillo.

0 contributi a “Beppe Grillo ha sbagliato”